Mola di Bari Via Manzoni 50
0804737436 cell. 345 96 99 607
P.i. 05541670727

Download Upload e Speed test, questi sconosciuti!

The Future Is Now

Per trasferire i dati su una rete da o verso un determinato dispositivo si possono utilizzare soltanto due diverse modalità: o quella in download, o quella in upload:

  • in download (si pronuncia dàunlòad) significa che il trasferimento dei dati avviene dalla rete in questione al dispositivo utilizzato. In questo caso, infatti, si parla solitamente di scaricamento dei dati. Ad esempio, fare il download di un file significa semplicemente scaricare quel file sul proprio dispositivo;
  • in upload (si pronuncia aplòad) significa che il trasferimento dei dati avviene dal dispositivo utilizzato alla rete in questione. In questo caso, infatti, si parla solitamente di caricamento dei dati, proprio come quando si carica un file con lo scopo di allegarlo ad un’email.

In entrambi i casi, la velocità con cui si scaricano o si caricano i file su una rete viene normalmente misurata o in kilobit per secondo, indicata solitamente con kbps, kbit/s o talvolta anche come kb/s, o, altrimenti, in megabit per secondo, indicata solitamente con MbpsMbit/s o talvolta anche come Mb/s.
Siccome un byte è uguale a 8 bit, dividendo per 8 un qualsiasi valore di queste velocità, si ottiene invece la quantità di dati che si sta trasferendo in quel preciso momento, la quale viene solitamente espressa o in kilobyte al secondo (si pronuncia chilobàit), o in megabyte al secondo (si pronuncia megabàit). Ad esempio, se stai caricando un file con una velocità in upload di 7 Mbps, cioè di 7.000 kbps, significa che stai caricando una quantità di dati con una velocità al massimo pari a 7.000 kbps / 8 bit, ovvero al massimo pari a 875 kB/s, cioè a 875 kilobyte al secondo. Se invece stai scaricando un file con una velocità in download di 20 Mbps, cioè di 20.000 kbps, significa che stai scaricando una quantità di dati con una velocità al massimo pari a 20.000 kbps / 8 bit, ovvero al massimo pari all’incirca a 2,4 MB/s, cioè a 2,4 megabyte al secondo.

Lo speed test, questo sconosciuto!

Quante volte ci siamo lamentati della lentezza della nostra connessione? In genere, la prima cosa che viene in mente di fare è chiamare il proprio operatore per capire se c’è un guasto. Dall’altra parte, la persona del servizio clienti ci chiede se abbiamo fatto uno speed test. Di cosa si tratta? Perché è importante farlo, ma soprattutto farlo bene? In questa miniguida vi sveliamo tutto quello che c’è da sapere!

Innanzitutto, esistono tanti speed test. Fanno tutti più o meno la stessa cosa, ovvero lanciano una diagnostica sulla connessione per verificarne l’effettiva velocità e danno delle indicazioni che possono essere utili in vista di un’eventuale verifica tecnica. Il più utilizzato dai principali operatori del settore è lo strumento di Nperf (lo trovate qui) di cui esiste la pagina web e anche una comoda applicazione per tutti gli smartphone. Non serve essere tecnici per capirlo e interpretarlo al meglio. Uno speed test effettuato nelle condizioni giuste (e vi diremo quali sono) può dirci tanto sulla qualità della nostra linea e capire, ad esempio, se c’è un guasto sulla tratta, se è il wi fi che non va, se il nostro abbonamento va bene per il gaming online eccetera.

Speed test, come funziona

Collegandosi al sito che vi abbiamo linkato (o a qualsiasi altro dello stesso genere) trovate un pulsantone “go” o “vai”. Schiacciandolo, parte una verifica della connessione che dura pochi secondi e che restituisce tre dati fondamentali: il ping, il download e l’upload. Come leggere questi valori?

  • Ping è il tempo che il segnale impiega a raggiungere il server del test (e ritorno) e si misura in millisecondi. Si dice che più il valore è basso migliore sarà la connessione, ma non è sempre vero. Dipende sempre dall’uso che ne fate. Se vi serve per giocare online (con pc o console) allora si, il ping deve essere basso perché diversamente avreste un’alta latenza e più possibilità di lag. Cosa vuol dire? Che in una squadra di giocatori online, voi sareste quelli che arrivano sempre “in ritardo”. Come diminuire un ping alto? Spesso non si può. Vale la pena, però, fare il tentativo di richiedere questa modifica al vostro operatore. A pagamento o tramite altre operazioni, possono essere sbloccate delle configurazioni che permettono di guadagnare qualche millisecondo.
  • Download è forse il valore più noto, quello che conoscono tutti. Misura effettivamente la velocità con cui la rete scarica i dati e più questo numero (misurato in mb/secondo) è alto più effettivamente la linea è veloce. Si tratta di un dato molto variabile, che dipende da tanti fattori: non ultimo, il modo in cui lo speed test viene effettuato.
  • Upload (sempre in mb/secondo) indica quanto veloce è la linea a caricare dei contenuti sulla rete, ad esempio allegare un file ad una mail o effettuare l’upload di un video su Youtube. Se questo valore è basso, il caricamento sarà più difficoltoso e ci metterà più tempo. Dato che la maggioranza delle connessioni a nostra disposizione è asimmetrica, l’upload è sempre molto più basso del download ed è normalissimo che sia così. Per avere i valori di download e upload uguali è necessaria una connessione simmetrica, detta anche shdsl. Molto costose e con modalità di attivazione particolari, le shdsl sono quasi esclusivamente riservate alle aziende con esigenze lavorative molto specifiche.

In passato, esisteva un quarto valore detto jitter che misurava la stabilità della linea. Più era basso, meno la linea era soggetta a cadute ed interruzioni. Oggi non viene più indicato perché considerato poco significativo.

Come si fa lo speed test?

Per avere un test affidabile, però, è necessario farlo bene. Un test effettuato in maniera non corretta dà risultati completamente falsati che non sono per niente utili. Essenzialmente, il test va effettuato a rete scarica. Cosa vuol dire? Collegare un solo dispositivo via cavo al router e spegnere o scollegare tutti gli altri (smartphone, tablet, elettrodomestici, smart tv, eccetera). Se il cavo non fosse disponibile, va bene anche via wi fi stando molto vicino alla sorgente del segnale. In questo caso è ancora più importante scollegare tutti gli altri dispositivi. Lo speed test è utile anche a capire se c’è qualche apparecchio che sta impiegando troppa banda per aggiornamenti anomali o download massivi.

Se state effettuando lo speed test con lo smartphone, attenzione alla rete a cui siete connessi! Attraverso le icone sullo schermo, verificate se siete connessi via wi fi (in quel caso testerete la velocità della linea fissa) oppure no (finirete per testare la velocità della rete mobile). Un test effettuato correttamente serve anche da diagnostica molto blanda per router e/o access point. Se da test le performance di linea sembrano buone ma voi riscontrate comunque lentezza, potrebbe essere un problema di router o di configurazione della rete wireless. Consigliamo pertanto di fare il test con un cavetto ethernet collegato direttamente dal router/modem al pc, il risultato sarà molto più affidabile.

Sappiamo che la linea lenta non piace a nessuno, ma utilizzare correttamente gli strumenti è importante! Se dopo aver fatto uno speed test nel migliore dei modi i risultati non vi soddisfano, provate a contattarci. Potremmo aiutarvi a risolvere quei problemi che sembrano insormontabili!